Casa e benessere

Ma cosa si intende per benessere all’interno della casa? Significa poter vivere la nostra casa ritrovando al suo interno la possibilità di stare bene; gli spazi, i materiali, le finiture, gli oggetti, la luce naturale o artificiale devono essere progettati affinché siano adatti alla nostra salute psico-fisica.

Prima di tutto occorre chiedersi come usiamo la nostra casa; come viviamo ogni singolo spazio; quanto spazio davvero serve per le funzioni che abbiamo assegnato agli ambienti della nostra casa. E poi dobbiamo chiederci se abbiamo uno spazio (anche piccolo) nel quale eliminare lo stress, ritrovare l’equilibrio personale e professionale (nel caso di ambienti di lavoro) e riuscire a pensare.

Per ovvi motivi non possiamo pensare di cambiare il look della nostra casa con le stesse modalità con cui cambiamo abito ma possiamo pensare di renderla “flessibile” e “adattabile” perché diventi il primo luogo che ci può procurare “benessere” attraverso il suo aspetto e l’uso dei suoi spazi. Il primo luogo dove ci svegliamo la mattina con serenità, dove cominciamo la giornata e dove la concludiamo; dove abbiamo un luogo solo per noi e altri dove condividiamo momenti o attività (compagno/a, figli, lavoro).

Così come il nostro abito ci dice come stiamo, dove andiamo e in che periodo dell’anno siamo; anche la casa ci dovrebbe accompagnare con il suo aspetto nelle diverse stagioni dell’anno e della nostra vita. In casa dobbiamo stare bene, dobbiamo poterci rilassare da soli o in compagnia, dobbiamo poter leggere un libro nel silenzio o accompagnati dai suoni o dai rumori che più ci piacciono, dobbiamo poter vivere le nostre passioni.

Molto spesso il primo passo da fare è un decluttering. Liberarci del superfluo ci offre la possibilità di CREARE SPAZIO per NUOVE IDEE.